Il Forum è consultabile solo in modalità lettura. Per domande o consigli iscriviti al nostro GRUPPO FACEBOOK / COMMUNITY cliccando qui

[GUIDA] Terminologia di base in uso con Android

Discussione in 'Android Generale - Guide' iniziata da Giulio75, 27 Ago 2016.

Condividi questa Pagina

  1. Giulio75

    Giulio75 Guest

    Negli ultimi anni lo sviluppo della tecnologia ha avuto una crescita esponenziale ad alti livelli; il settore più colpito è stato sicuramente quello delle telecomunicazioni, in particolar modo della telefonia mobile.Basti pensare a tutti quei dispositivi che pur stando nel palmo di una mano, riescono a svolgere compiti e sono equipaggiati da componenti hardware degni del miglior personal computer.
    Al giorno d'oggi impariamo a fare i conti con termini del tipo adb, ROM, recovery ecc ecc, ma altrettanto spesso non se ne conosce il significato e cosa li differenzia l’uno dall’altro.
    Ci sarà capitato qualche volta, anche di esserci imbattuti in situazioni o tecnicismi che ci hanno messo in seria difficoltà o attirato la nostra attenzione leggendo guide, tutorial o perchè ne abbiamo avuto il bisogno quanto la salute o lo stato fisico del nostro amico robottino verde ci ha fatto preoccupare. Ecco, questo tutorial per utenti di base ci spiegherà quali sono i termini più facili da incontrare nel mondo android e il loro significato.
    Buona lettura...

    Android
    Cos'è Android...
    Android è un sistema operativo nativo di Linux, basato su kernel Linux.
    Nasce nel 2003 ad opera di Andy Rubin che insieme ad un gruppo di amici fondò per l'appunto una piccola società chiamata Android Inc. Nel nel 2005 viene rilevata da Google e nel 2007 la stessa Google insieme ad altre società del settore tecnologico e della telefonia costituirono un consorzio, l'OHA (Open Handset Alliance) siglando così un patto per la realizzazione e lo sviluppo sempre costante di questo sistema operativo.
    Oggi, Android è il Sistema Operativo più utilizzato dai maggiori produttori di dispositivi mobili.

    ADB (Android Debugging Bridge)
    Se dovessero chiedermi la prima cosa che mi viene in mente quando sento questo termine, beh, risponderei subito al prompt dei comandi.
    Infatti questo tool serve proprio ad interagire con il dispositivo tramite riga di comando.
    Per il suo utilizzo è richiesta l'installazione del tool stesso che puo avvenire in diversi modi, ma il più
    conosciuto e importante a mio avviso è tramite l'installazione dell'Android Software Development Kit (SDK) che vedremo più in là.

    APK
    Chi viene da ambienti come Windows sa che per installare un programma o software ha bisogno del suo eseguibile che ha come estensione il .exe.
    Bene, anche per Android abbiamo bisogno di un "eseguibile", e questo viene comunemente chiamata applicazione (abbreviato in app) e ha come estensione .apk.

    ART (Android RunTime)
    E' la macchina virtuale che ha preso il posto della Dalvik.
    E' stata introdotta da Google con Android 4.4 KitKat dando la possibilità all'utente di poter scegliere tra la Dalvik e l'ART.
    Da Android 5.0 è diventata la runtime di default.

    AOSP (Android Open System Project)
    Questo termine ci sta ad indicare che ci troviamo di fronte al codice sorgente di Android di Google al quale non è stata apportata nessuna modifica da parte di nessun produttore, quindi il codice è puro.

    Baseband

    Ogni dispositivo mobile ha un sistema interno che gli permette di comunicare via wireless, connessione dati, bluetooth, questo è il modem, detto anche baseband. Il baseband non è altro che il firmware che gestisce tutte queste funzioni.

    Bloatware
    Sono applicazioni o piccole utility installate direttamente dal produttore del dispositivo e/o dal gestore telefonico con il quale la stessa azienda è affiliata sullo smartphone.
    Difficilmente possono essere disinstallate se non senza dover ricorrere al rooting e alla conseguente perdita della garanzia.

    Bootloader
    Molto spesso gli amanti del modding si son trovati dinanzi un gran bell'ostacolo da superare per poter testare il proprio sviluppo sui loro dispositivi: sto parlando del bootloader.
    Ma cos'è esattamente e perchè rappresenta un ostacolo ?
    Per spiegarvi esattamente cos'è, mi avvalgo dell'aiuto di una guida scritta da uno dei nostri amministratori @simoscorpion e che cercherò di sintetizzare per capirci meglio.
    "Il bootloader è un codice che viene eseguito all’interno del sistema Operativo e, in questo stesso luogo, fa in modo che il Sistema Operativo possa far funzionare i vari processi. Questo vale ad esempio per Pc, portatili e smartphone altri dispositivi simili. In sostanza il bootloader racchiude al suo interno le informazioni essenziali per il funzionamento di un Sistema Operativo. Ogni scheda madre ha il suo personale bootloader,e allo stesso tempo ogni processore ne ha uno specifico. Ecco spiegato il motivo per cui ogni dispositivo Android ha delle ROM differenti.
    Per quanto riguarda il mondo Android, ogni telefono ha un proprio bootloader che invia informazioni al kernel del sistema operativo per farlo funzionare. Come abbiamo detto sopra, ogni dispositivo con Android OS possiede un proprio tipo di bootloader dal momento che ogni modello ha delle sue caratteristiche che variano da un telefono all’altro."
    Quindi ricapitolando possiamo dire che il bootloader è un codice scritto da ogni produttore sul prorpio device che all'avvio di esso invia al kernel le informazioni utili per poter far funzionare al meglio il dispositivo stesso e finchè questo codice resterà inalterato, non sarà possibile effettuare nessuna procedura di modding in quanto non previste dalle istruzioni in esso contenute.

    Bootloop
    Rappresenta la situazione in cui un dispositivo non riesce ad avviare il suo sistema operativo.
    La causa è spesso riconducibile ad un errore software e si può ripristinare o tramite recovery effettuando un wipe factory reset o tramite il flash ex novo del suo sistema operativo.

    Brick
    Tradotto in italiano, il termine sta ad indicare "mattone": ovvero un dispositivo che detto in parole povere, è passato a vita migliore o è sul punto di farlo.
    Scherzi a parte, il brick è purtroppo una forma di malfunzionamento del dispositivo dovuta ad un errore del software o al flash sbagliato di un firmware o ad una procedura di modding non andata a buon fine.
    Di solito si distinguono due tipi di brick: soft-brick, che il più delle volte è causato da un errore del
    software che non riuscendo a caricare il sistema all'avvio si presenta con il classico riavvio e il blocco
    sulla schermata iniziale del caricamento del sistema stesso o il continuo riavviarsi senza mai accendersi. Per risolvere questo problema di solito basterebbe flashare il giusto firmware o la giusta ROM con gli appositi tool messi a disposizione dai produttori o qualche volta messi a punto da Team di sviluppatori della comunità di Android stessa.
    L'altra faccia della medaglia è rappresentata dall'hard-brick; purtroppo in questi casi bisognerebbe avere gli strumenti giusti e avere una profonda conoscenza della materia altrimenti, l'unica strada percorribile per il recupero del dispositivo (o forse) è quella di rivolgersi al centro assistenza.

    Bug
    In gergo tecnico si traduce in "falla" o "baco" e consiste in un errore del sistema che può provocare dei malfunzionamenti.

    Cache
    Tra le tante operazioni che ogni giorno svolge in nostro dispositivo Android, ce n'è una che consiste nel ricordarsi le nostre abitudini del suo uso quotidiano. Questo avviene memorizzando in una piccola parte di memoria detta appunto cache tutte le operazioni che solitamente compiamo utilizzando le applicazioni o navigando in internet.
    Se da un lato questa operazione ha i suoi vantaggi in quanto rende più veloce l'accesso da parte del sistema a queste risorse, dall'altro può succedere che magari un'app ha avuto un malfunzionamento ed è crashata o l'accumulo di queste informazioni ha prodotto un certo volume in termini di megabyte, il nostro dispositivo possa subire rallentamenti o appunto malfunzionamenti delle applicazioni stesse.
    Si rende necessario quindi svuotare la cache tramite una procedura che si fa normalmente dalla recovery (il cosiddetto "wipe cache partition") o tramite l'ausilio di applicazioni di terze parti o come implementato negli ultimi sistemi operativi, automaticamente da un tap su un'impostazione di sistema.
    Cancellare la cache non comporta assolutamente la perdita di dati sensibili, anzi, alle volte ci auta a
    liberare spazio sul dispositivo.

    Custom ROM
    Una custom rom è una versione della ROM modificata, creata da sviluppatori indipendenti, molto più completa, con funzionalità in più e personalizzata. Solitamente hanno una fluidità maggiore rispetto alla ROM stock in quanto prive di bloatware.

    CWM
    ClockworkMod, più abbreviata in cwm. E'una delle prime recovery customizzate create per Android, sviluppata da un grande sviluppatore: Koushik Dutta.
    Ritornando alla cwm, essendo una recovery modificata e quindi di livello avanzato rispetto alla stock che di solito fornisce il produttore del dispositivo, si possono effettuare operazioni più specifiche.

    CyanogenMod
    Probabilmente la custom ROM per Android più gettonata di sempre sviluppata per numerosi dispositivi, basate sul software Open Source di Android.
    Il suo sviluppo è nato grazie al suo fondatore Steve Kondik che fondò anche il Team Cyanogen.

    Dalvik
    Spiegare cosa sia la Dalvik, non è un compito facile. In rete ci sono molte guide che tentano di farlo ma con concetti prettamente tecnici e spesso incomprensibili.
    Non lo sarà nemmeno per me, ma proverò con qualche esempio.
    Per definizione: la Dalvik è una Macchina virtuale che esegue le applicazioni scritte per Android. Fa parte del Sistema Operativo stesso ed è stata progettata per lavorare in ambienti con pochissima memoria facendo interagire tra loro diversi processi con funzioni e istanze diverse.
    Essendo una macchina virtuale la possiamo definire come un Sistema Operativo che lavora all'interno di un altro Sistema Operativo.
    Da Android 5.0 non è più presente nei sistemi operativi.

    Debug USB
    Il Debug USB è una funzione del Sistema Operativo implementata in Android, che se attivata ci permette di far comunicare a livello avanzato il nostro dispositivo al pc o ad altra periferica.
    Naturalmente per il riconoscimento da parte del pc, oltre che all'attivazione del Debug USB, è indispensabile che su di esso siano installati correttamente i driver del produttore del dispositivo mobile.

    Downgrade
    Col termine Downgrade si vuole intendere il riportare ad una versione precedente il Sistema Operativo. Alle volte può capitare che un aggiornamento di sistema ci apporti modifiche ad esso e quindi ci cambi un pò la struttura del dispositivo (vedi la grafica, il funzionamento delle applicazioni ecc) oppure anzichè migliorare qualcosa, ci accorgiamo che che le performances sono ridotte o si presentano problemi; allora si corre ai ripari flashando il firmware precedente o quello che utilizzavamo prima dell'aggiornamento e che funzionava senza problemi.
    Purtroppo, c'è da segnalare che alcuni grandi Brand, piano piano, si stanno adeguando tra loro e stanno togliendo la possibilità di poter usufruire di questa opportunità.

    ext2/ext3/ext4

    Sono filesystem con cui vengono create le partizioni di sistema di Android.

    Fastboot

    Come per ADB, anche Fastboot ha un suo tool da riga di comando. Anche in questo caso eseguendo viene utilizzato per poter interagire col dispositivo dal pc e effettuare procedure di modding.
    Il suo utilizzo necessita di un bootloader sbloccato e l'installazione dei driver sul pc.

    Firmware
    Il più delle volte viene paragonato alla ROM, ma attenzione, spesso può indicare anche uno specifico software che gestisce il funzionamento di un componente hardware del dispositivo stesso.

    Flash

    E' il processo attraverso il quale si installa un pacchetto di file (una ROM, uno ZIP) su un terminale.
    Il più delle volte viene eseguito tramite custom recovery , altre invece tramite appositi tool messi a disposizione dai produttori stessi.

    GingerBread
    Versione 2.3.X di Android.

    Hard Reset
    E' il procedimento che ripristina il telefono ai dati di fabbrica. Cancella tutti i dati in esso salvati, oltre alle password e agli account.

    ICS (Ice Cream Sandwich)
    Versione Android 4.0

    IMEI
    E'l'acronimo di International Mobile Equipment Identity, un codice alfanumerico a 15 cifre che identifica ogni singolo telefono. Per conoscere l'IMEI del vostro dispositivo non dovete fare altro che controllare sotto il vano batteria o dalla tastiera telefonica digitare la seguente stringa *#06# e visualizzerete direttamente il vostro codice IMEI.

    JellyBean
    Versioni Android dalla 4.1 alla 4.3.

    Kernel
    Cos'è un Kernel...
    Per dare una spiegazione più semplice vi faccio un eseempio: immaginate un'azienda e chi cura la coordinazione tra la parte amministrativa e la parte produttiva; Il kernel è proprio il coordinatore. Per definizione è il nucleo centrale del sistema operativo e si occupa della gestione della memoria, delle varie risorse, del software e dell'hardware.

    KitKat
    Versione Android da 4.4 a 4.4.4

    Launcher
    Il launcher altro non è che un programmino che serve a personalizzare il nostro dispositivo. Possiamo installarlo direttamente dallo store di Google, Play Store e una volta installato ci permetterà di cambiare l'interfaccia utente, la schermata Home, le varie icone, ci permetterà di personalizzare il drawer...
    Insomma, il launcher ci permetterà di cambiare il volto del nostro smartphone o tablet che sia a seconda dei nostri gusti.

    Leaked
    Con questo termine si vogliono identificare tutti quei firmware o ROM che purchè prodotti dalla casa madre del dispositivo non sono mai stati resi ufficiali.
    Tuttavia ci sono varie scuole di pensiero diverse che associano i file leaked a file beta rilasciati appositamente a sviluppatori indipendenti o team per testarne la loro efficienza.

    Lockscreen
    Questa funzione, attivabbile premendo il Tasto Accensione/Spegnimento o comunemente detto anche Tasto Power, ci permette di spegnere il display in modo tale da non poter essere toccato e quindi avviare, in maniera del tutto accidentale applicazioni o varie funzioni del dispositivo stesso.
    Naturalmente, una volta attivato, per il suo sblocco sarà necessario ripetere l'operazione premendo nuovamente il Tasto Power ed eseguendo uno swipe col dito sul display o inserendo un codice di sblocco o PIN qualora fosse stato inserito come sicurezza.

    Lollipop
    Versione Android 5.x.

    Modding
    Beh, se si parla di Android, è facile incappare nel modding.
    Ma cos'è il modding ?
    Il modding non è un insieme di regole, ma è un'operazione che ci permette di modificare il sistema operativo originale rendendolo "nostro", ovvero andando ad eliminare quei vincoli che il poduttore ci ha imposto (vedi bootloader bloccato, permessi di root, rom custom ecc ecc).

    Nandroid backup
    Il Nandroid backup è l'immagine di sistema generato da una recovery modificata (CWM o TWRP) del sistema stesso allo stato attuale di qando viene eseguito.

    OTA (Over The Air)
    L'Over The Air è un metodo che sta prendendo uso tra i vari brand produttodi di dispositivi e consente di apportare modifiche al sistema tramite aggiornamenti via wireless.

    Porting

    Il Porting è una procedura con la quale si tende ad adattare un software o firmware realizzato per un dispositivo e per poterlo far funzionare su di un altro.

    Recovery
    La recovery è uno speciale strumento che quasi tutti i dispositivi Android hanno e consente all'utente di entrare in un ambiente in cui possono essere effettuate diverse operazioni.
    Per accedervi ogni dispositivo ha una sua procedura che varia a seconda del modello del produttore.
    Distinguiamo le recovery Stock, che son quelle originali e che hanno funzioni limitate e le recovery Custom (CWM o TWRP) che son quelle che permeteranno di poter eseguire funzioni avanzate all'utente.

    ROM
    E' il pacchetto completo che contiene il sistema operativo e le varie applicazioni ad essa collegate.

    Root
    Termine utilizzato soprattutto in ambiente Linux (Android ne è figlio) che indica utente con massimi privilegi di amministratore sull'intero sistema.
    Il più delle volte, effettuare il Root comporta l'annullamento della garanzia.

    RUU
    I possessori di HTC sanno che per ripristinare, flashare o effettuare determinate operazioni sui loro
    dispositivi hanno bisogno di una speciale utility messa a punto proprio dal produttore stesso: questa è la RUU (Rom Updater Utility)

    SDK
    Android Software Development Kit più abbreviato in SDK Android, è un tool messo a disposizione da Google e che rappresenta il più completo kit di sviluppo per Android.
    Una volta installato, fornisce tutti gi strumenti per poter sviluppare applicazioni; inoltre installa i driver
    adb e fastboot e crea una particolare cartella "platform-tool" che li contiene e che permette di operare da prompt dei comandi.

    Sense
    Interfaccia grafica sviluppata da HTC

    SO
    Acronimo di Sistema Operativo o Operating System.

    SU
    Acronimo di Super User. Corrisponde ai privilegi di root o di amministratore del dispositivo.

    Swap
    Questa è una procedura di modding utilizzata soprattutto su quei dispositivi dotati di scarsa memoria e consiste nel far riconoscere al sistema una parte della memoria esterna come memoria RAM.
    Naturalmente per poterla eseguire si dovrebbe per prima cosa stabilire se il kernel supporta lo swap,
    effettuare il root sul proprio dispositivo e creare una piccola partizione di memoria (partizione di swap) che verrà riconosciuta come memoria RAM.

    Thetering
    Questa modalità, attivata su un dispositivo, ci permetterà di poterlo utilizzare come modem e quindi di poter condividere con altri dispositivi la sua connessione. Può avvenire via wireless, via bluetooth, via USB.

    TWRP
    E' una speciale recovery modificata per smartphone Android in cui le operazioni possono essere effettuate utilizzando il touch screen. Ha sostituito la CWM oramai caduta in disuso anche a causa dei suoi mancati aggiornamenti.

    Wipe
    Letteralmente tradotto significa "pulire", il wipe nel gergo di Android fa proprio quello, effettua una pulizia in profondità del sistema o parte di esso.
    Lo si può avviare sia da recovery stock che custom.
    Nelle recovery stock solitamente troviamo le voci:
    Wipe Data Factory Reset che effettua un ripristino del dispositivo riportandolo alle impostazioni iniziali di fabbrica
    Wipe Cache Partition che effettua una pulizia della memoria cache.
    Nelle recovery modificate vi è la possibilità di effettuare anche un terzo wipe: il wipe Dalvik Cache che pulisce la memoria della Dalvik dai dati accumulati.

    In questa guida sono state trattate le definizioni più comuni che si possono incontrare nel mondo Android.
    La terminologia è molto più vasta e si arricchisce di termini molto più complessi che riguardano lo sviluppo.
    Il mio consiglio per chi ha passione in questo mondo è quello di fare ricerca e di imparare allo stesso tempo anche sbagliando. Sicuramente è un mondo che vi metterà a dura prova, conoscerete i fallimenti ma se sarete caparbi nell'inseguire il vostro obiettivo e sarete testardi nel non arrendervi un giorno chissà, potreste scrivere anche voi una pagina nella storia di Android.
    Per chi vorrà approfondire lascio i link alle fonti

    XDA Glossary
    Developer Android
    Getting Started Developer Android
    [Guida] CPU Governor I/O Schedulers
    [GUIDA] [Modding] Tutto quello che c'è da sapere
    [GUIDA] Tutto sul bootloader android
    [GUIDA][windows] Installazione dell'SDK di Android
     
    Ultima modifica di un moderatore: 28 Ago 2016
    A uLtiMo125 e gianfrinico piace questo messaggio.
  2. gianfrinico

    gianfrinico Silver Droid

    Iscritto:
    16 Giu 2015
    Messaggi:
    3.040
    "Mi Piace":
    1.664
    Ho modificato un paio di voci scritte erroneamente. La CWM è stata scritta due volte, decidi quale lasciare e correggi così mettiamo la guida in rilievo.
     
    A Giulio75 piace questo elemento.
  3. Giulio75

    Giulio75 Guest

    Fatto :thumb: grazie gianfrinco
     
  4. Omar

    Omar Guest

    Beh, dire che Doutta è un hacker mi sembra esagerato. Sicuramente è (o è stato) uno dei migliori developer ;)

    Inviato tramite l'App di TuttoAndroid